Frodi alimentari: “Il protocollo Regione-Procure passo in avanti per tutelare Dop e Igp”

avatar

agriturismorigotorto

7 unità abitative, climatizzate,con piscina, forno a legna e barbecue, ampi spazi ricreativi attrezzati all'aperto.
avatar

Il presidente del Consorzio di tutela della Finocchiona, Fabio Viani plaude all’iniziativa della Regione Toscana

“Il protocollo sottoscritto dalla Regione Toscana con le Procure della Repubblica per rafforzare l’attività di prevenzione e repressione delle frodi alimentari nelle province di Firenze, Arezzo, Grosseto e Siena è un’ottima notizia. Si tratta di un passo in avanti importante per tutelare i consumatori e le produzioni Dop e Igp”. Così Fabio Viani, presidente del Consorzio di tutela della Finocchiona commenta la firma del documento della Regione che crea un gruppo costituito da personale specializzato e giovani del Servizio civile da distaccare presso le Procure della Repubblica di Arezzo, Firenze, Grosseto e Siena.

“L’impegno della Regione Toscana – continua Viani – va salutato positivamente, anche perché si sposa con quello del Ministero dell’agricoltura, che sta rafforzando la prevenzione e il controllo nella lotta alla contraffazione a livello nazionale e internazionale. Nei giorni scorsi il ministro Martina ha sottolineato il primato del nostro Paese nel settore dei prodotti di qualità certificata, che conferma l’eccellenza e la peculiarità del nostro modello agroalimentare.

In questa cornice si inserisce l’impegno per offrire ai consumatori un’informazione sempre più chiara riguardo ai prodotti che acquistano e un’attività di controllo e repressione sempre più stringente da parte delle autorità preposte. L’atto firmato tra la Regione e le Procure della Repubblica delle province di Arezzo, Firenze, Grosseto e Siena va in questa direzione, con l’ulteriore elemento positivo della formazione di nuovi giovani in un settore così delicato e importante. Ci auguriamo – aggiunge Viani – che si tratti di un nuovo mattone per costruire un solido rapporto di collaborazione tra le varie istituzioni. Crediamo che la Toscana, che accoglie tante eccellenze agroalimentari, possa divenire un modello anche sul fronte della loro tutela e valorizzazione. Il Consorzio di Tutela della Finocchiona, per quanto possibile, offrirà il massimo sostegno per contribuire a creare intorno ai prodotti di eccellenza toscani e italiani trasparenza e garanzia di qualità per consumatori e produttori”.